Salvatore_Mincione_GuarinojpgInaugurato ieri il “piccolo spazio libero” Il Proscenio
La Scuola CAST, diretta da Salvatore Mincione Guarino, vanta un’esperienza ormai consolidata negli anni che ne ha fatto un punto di riferimento importante per quanti nella provincia pentra vogliano avvicinarsi al teatro e alle arti sceniche.

Sempre alla ricerca del perfezionismo e dell’innovazione per far crescere l’interesse nella cultura dello spettacolo fra i giovani, l’associazione culturale che la sostiene ha mutato la propria dirigenza e aperto una sede nel centro storico di Isernia. Salvatore Mincione Guarino, attore e formatore di provata esperienza, conserva il ruolo di direttore artistico, mentre due giovani “allievi” della Scuola, Giovanni Gazzanni e Alessio Esposito, hanno affiancato il maestro nel non facile compito di dare un contributo allo sviluppo culturale della città di Isernia.

Armati di tenacia e buona volontà hanno ristrutturato in economia un piccolo locale, posto su strada, e ieri, venerdì 1 ottobre, il piccolo spazio libero ‘Il Proscenio’, così come è stato chiamato, ha visto l’afflusso di numerosi amici e personaggi della cultura locale per testimoniare il proprio supporto e dare il proprio augurio alla pregevole iniziativa: ‘piccolo’ perché i posti a sedere in sala sono solo 40.

Questa sera si parte e si inaugura la stagione teatrale, che quest’anno è dedicata a Mario Scarpetta, grande esponente del nostro teatro, con cui Salvatore Mincione Guarino ha lavorato per diversi anni. In cartellone per questo primo spettacolo una commedia scritta e diretta da Guarino, coadiuvato alla regia dal giovane Giovanni Gazzanni, dal titolo “Diversamente uguali”. Solo per questa sera, Francesco Melfi, nel suo ruolo di Checco, non sarà presente sul palcoscenico per impegni personali, sostituito da Elio Musacchio, un talento in erba, frequentatore del corso destinato ai piccoli della Scuola CAST. Francesco reciterà, invece, nei giorni di replica dello spettacolo, ovvero il 2, 9 e 10 Ottobre.

Sul perché aprire “il piccolo spazio libero” Salvatore Mincione Guarino spiega: “Avere uno spazio dove sperimentare è fondamentale per l’attore o chiunque voglia avvicinarsi a questo mondo. Per troppo tempo l’idea del teatro è stata (e ancora è) legata a compagnie che mettono in scena dei surrogati di pezzi teatrali noti: assistiamo sempre più spesso infatti, a spettacoli che sono la copia pedissequa di DVD che riproducono commedie di De Filippo, Salemme, ecc. Se il teatro racchiude in sé tutte le arti, lavorare in questo modo vuol dire soltanto emulare grandi attori e il risultato è, ovviamente, fare una brutta copia dell’originale. Formare attori è innanzitutto formare uomini, persone in grado di distinguere ciò che è arte da ciò che è imitazione. Dal canto nostro, con grande umiltà ci siamo ritagliati uno spazio “teatrabile” per lavorare su progetti che sono frutto di un percorso culturale. Per questo abbiamo deciso di iniziare con una rassegna che prevede spettacoli diversi tra loro; dalla comicità inglese a quella partenopea, a testi sociali e percorsi storici. Crediamo che dare la possibilità alle persone di avere un punto di riferimento settimanale, abbia lo scopo di dare una valida alternativa culturale a quello che di solito ci offre la nostra città”.

Il programma della Scuola CAST prevede, inoltre, oltre agli spettacoli teatrali, anche un cineforum dedicato quest’anno a Woody Allen. Ogni venerdì a cadenza quindicinale, verrà proposto un film di questo grande attore e regista americano. Alternato al cineforum, sempre di venerdì ci sarà musica dal vivo. La Scuola propone ai principianti o a coloro che hanno acquisito minime esperienze teatrali, corsi di recitazione per adulti e bambini; già dal prossimo 5 ottobre sarà attivo un corso per bambini, al termine del quale è prevista la messinscena di uno spettacolo. Tra le attività proposte, si terrà anche il corso di Ludoterapia, un laboratorio di giochi psicologici per adulti, il cui tema sarà “dalla solitudine all’incontro con l’altro”.

RASSEGNA TEATRALE DEDICATA A “MARIO SCARPETTA”
Scarpetta non scrive per proporre o fare valere una sua idea del mondo o dell’uomo; non pone ipotesi esistenziali. In Scarpetta c’è il senso della quotidianità che si ripete nella sostanza e nella forma.
Il suo teatro ha per fine il ridere; scrive per far ridere ad ogni costo. Il suo è un “teatro di evasione”, di disintossicazione. Oseremmo paragonare le sue commedie a quelle della Commedia dell’Arte; non è un caso che da Pulcinella nasca la figura tipica scarpettiana di Felice Sciosciammocca. Della Commedia dell’Arte restano i tipi fissi: l’affamato, il furbo, gli innamorati, il balbuziente, ecc… e resta anche l’improvvisazione intesa come un lavoro costante e diretto con il pubblico.
Avendo lavorato con Mario Scarpetta per svariati anni, ed avendo instaurato non solo un rapporto lavorativo, ma soprattutto un rapporto di grande stima ed amicizia, mi sembrava doveroso fare un omaggio ad un grande esponente del nostro teatro, tante volte considerato “minore”, ma che in realtà più di tutti è riuscito a regalarci non sorrisi, ma vere e proprie risate!
Salvatore Mincione Guarino

SPETTACOLI DELLA RASSEGNA
2 —3 ottobre DIVERSAMENTE UGUALI
9 —10 ottobre di Salvatore Mincione Guarino

16—17 ottobre ‘O VICOLO
23—24 ottobre di Salvatore Mncione Guarino
30—31 ottobre

6 – 7 novembre CAMERE DA LETTO
13—14 novembre di Alan Ayckbourn
20—21 novembre
27—28 novembre

4 – 5 dicembre MISERIA E NOBILTA’
11—12 dicembre di Eduardo Scarpetta
18—19 dicembre

15—16 gennaio ‘O SCARFALIETTO
22—23 gennaio di Eduardo Scarpetta, con la
29—30 gennaio regia storica di Mario Scarpetta

Inizio spettacoli: sabato ore 21 – domenica ore 18
Biglietto: € 7
abbonamento all’intera rassegna € 30

CINEFORUM a cadenza quindicinale, dedicata a WOODY ALLEN:
8 ott. “Provaci ancora Sam”
22 ott. “Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso…”
5 nov. “Io e Annie”
19 nov. “Manhattan”
3 dic. “Zelig”
17 dic. “La rosa purpurea del Cairo”
21 genn. “Hannah e le sue sorelle”
Proiezione film ore 21; il costo del singolo evento è di 3 €, l’abbonamento al cineforum è di 15 €.

Per informazioni:
339 2694897 Salvatore
380 7833045 Alessio
339 6801542 Giovanni
www.compagniacast.135.it
Via Renato Lorusso, n° 11 Isernia

Orario botteghino:
dal LUNEDI’ al SABATO
ore 10,30/13,00 – 16,00/19,00